Questo sito usa cookies per fini statistici e tecnici, cliccando "ACCETTO" o continuando la navigazione si accettano i cookies usati da parte del sito e da terze parti

ACCETTO

policy cookie statistico google analytics
Centro arte contemporanea Cavalese:: SCUOLA PRIMARIA


COME E' FATTA L'ARTE DELL'900?

 


L’arte può essere usata come strumento didattico. Attraverso i giochi dell’arte il bambino impara a vedere, a sentire, a conoscere meglio il proprio mondo; impara ad esprimersi in tanti modi, a utilizzare le tecniche secondo le proprie inclinazioni, a diventare creativo.  

 

  (Maria Teresa Fiorillo)

 

Per secoli gli artisti avevano cercato di riprodurre la realtà e la tridimensionalità, ma con la fine del XIX secolo tutto cominciò a cambiare. Essi cominciarono a dare più importanza ai colori, alle loro sensazioni e alle loro idee. Per questo la pittura e il linguaggio scultoreo tradizionale cominciarono ad essere sostituiti da nuove tecniche artistiche e da nuovi materiali che trasformarono completamente l’arte e il ruolo dell’artista.

 Il Centro Arte Contemporanea propone alcuni MODULI DI “STORIA DELL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA” tramite i quali fornire ai bambini tutta una serie di strumenti (teorici e pratici) che li sensibilizzi all’arte moderna e contemporanea e consentano loro di avvicinarsi ai linguaggi artistici in maniera critica e consapevole.

  

MODULO 1: IL FAUVISMO

Tipo di pittura praticata a Parigi tra il 1899 e il 1908 da un gruppo di pittori, i quali puntavano all’esaltazione della soggettività dell’arte, all’interpretazione e all’espressione individuale della realtà. Gli artisti erano interessati a una stesura “emotiva” del colore, cosicchè solo colori puri, violenti, accesi, spesso spremuti direttamente dal tubetto sulla tela servivano a delimitare e costruire lo spazio. Era come assistere a una descrizione interiore della realtà, come leggere un commento tutto personale e soggettivo alla natura.

Artisti: Henri Matisse, Andrè Derain, Albert Marquet,

Obiettivi: Utilizzo “anticonvenzionale” dei colori.

 

MODULO 2: IL LINGUAGGIO ASTRATTO

Dal 1910 circa alcuni pittori iniziarono a creare dipinti che non rappresentavano più scene riconoscibili: persone, luoghi oppure oggetti. Questi artisti cercarono di esprimere sensazioni e concetti utilizzando solamente gli elementi del linguaggio pittorico: linee, forme e colori. Nasceva così un tipo di pittura del tutto nuova che non riproduceva più la realtà visibile, ma composizioni geometriche o intrichi di segni, linee e macchie. Questa divenne nota come arte astratta o Astrattismo.

Artisti: Vasilj Kandinsky, Paul Klee, Piet Mondrian

Obiettivi: Giocare con segni, linee e macchie.


MODULO 3: CUBISMO

A inizio del ‘900 si cominciò a smettere di tentare di creare l’illusione prospettica dello spazio, mettendo invece insieme particolari visti da angolazioni diverse o in momenti successivi, spezzando la superficie dei propri dipinti con forme geometriche. Si cercava di sottolineare la contraddizione nel volere dipingere oggetti solidi (cioè tridimensionali) su una superficie piana (a due dimensioni). Questo nuovo approccio divenne noto come Cubismo.

Artisti: Pablo Picasso, Georges Braque

Obiettivi: Realizzare un’opera con la tecnica del Collage

 

MODULO 4: ESPRESSIONISMO ASTRATTO

L'Espressionismo Astratto è una delle più importanti correnti artistiche del dopoguerra.Esso non mira alla rappresentazione intellettuale della realtà esteriore, come il Cubismo. Non si propone nemmeno di raffigurare le immagini dei sogni e dell'inconscio, come il Surrealismo. L'arte consiste nell'atto stesso del dipingere. Al centro del lavoro è l'individualità dell'artista, che nel quadro convoglia le proprie emozioni e la propria energia vitale.

Artisti: Jackson Pollock, Franz Kline, Willem de Kooning, Rothko

Obiettivi: Scoprire la tecnica del Dripping (sgocciolamento) e color field (campo colorato).

 

MODULO 5: IL SURREALISMO

Quando la Prima Guerra Mondiale seminava sangue e atrocità, solo i poeti e gli artisti hanno creduto alla potenza dei sogni, alla forza dell’immaginario e del gioco, per svelarci la bellezza, unica via verso la libertà. Un gruppo di artisti e scrittori capitanato dal poeta Andrè Breton cominciò a realizzare strane opere dall’atmosfera onirica. Volevano ribellarsi alla razionalità del mondo quotidiano e attingendo alla propria fantasia e ai propri sogni miravano a creare una nuova realtà o “sur-realtà”. Ecco perché il loro movimento divenne noto come Surrealismo.

Artisti: Max Ernst, Dalì, Salvador Dalì, Giorgio De Chirico.

Obiettivi: Conoscere la tecnica del frottage e del “cadavere squisito”.

 

MODULO 6: L'EVOLUZIONE DELLA SCULTURA

La scultura classica è statica, realizzata con materiali pesanti, come il marmo e il bronzo. Nel Novecento gli artisti rinnovano profondamente la scultura, facendola diventare leggera e mobile, utilizzando a volte anche materiali nuovi e insoliti.

 Artisti: Alexander Calder, Bruno Munari.

Obiettivi: Creare una scultura “in movimento”.

 

MODULO 7: SUPPORTI MODIFICATI 

 Nell’arte del Novecento la tela non è più solo la base su cui dipingere, ma diventa essa stessa protagonista dell’opera, torcendosi, inarcandosi e strutturandosi nello spazio in modo da catturare luce e ombra.

Artisti: Lucio Fontana, Enrico Castellani, Piero Manzoni

Obiettivi: Come modificare il supporto pittorico.

 

OBIETTIVI DIDATTICI

- Introdurre l’arte come esperienza nel mondo del bambino

- Avvicinare i bambini all’arte contemporanea.

- Fornire conoscenze di base sulla storia dell’arte moderna e contemporanea.

- Stimolare la capacità di osservazione.

- Incoraggiare la creatività personale.

 

INFORMAZIONI

 DESCRIZIONE ATTIVITÀ DIDATTICA

 Ogni incontro prevede due momenti:

 - introduzione teorica. Attraverso l’utilizzo di immagini e video i bambini sono introdotti alla

  scoperta dell’artista e/o del linguaggio artistico. 

- Attività pratica in laboratorio con la sperimentazione delle tecniche e dei linguaggi artistici

  che hanno rivoluzionato il linguaggio dell’arte.

 

A QUANTI MODULI PARTECIPARE

 Ogni classe sarà libera di aderire al numero di moduli che ritiene opportuno.

 Si consiglia una partecipazione ad almeno tre incontri, in modo da sperimentare diversi

linguaggi artistici. 

 Se questo risulta difficile il Centro Arte Contemporanea è disponibile a svolgere alcuni

moduli direttamente in classe.


DURATA

2 ore a modulo


QUANDO

I moduli di “Come è fatta l’arte del ‘900?” saranno attivi per tutto l’anno scolastico, a

partire da lunedì 13 ottobre e saranno prenotabili dal lunedì al venerdì.


MODALITÀ DI PRENOTAZIONE

 Per prenotarsi chiamare il numero 349.847.0382, dal lunedì al giovedì.

 Per informazioni è possibile scrivere anche all’indirizzo di posta elettronica:

artecavalesedidattica@gmail.com

Eventuali disdette devono essere effettuate almeno 24 ore prima dell’attività didattica.

COSTO

3 euro a bambino (partecipazione a 1 solo modulo)

2 euro a bambino (partecipazione a più moduli)


 

USIAMO LE MANI...PER MODELLARE E PER

INTAGLIARE


 I bambini facciano dell’incontro con l’opera d’arte l’occasione per un viaggio dentro le tecniche, i materiali, gli strumenti, i processi. E quindi vivano – prima ancora di capire – un’attività di impegno tecnico, motorio, visivo, mentale, affettivo, relazionale.

(Francesco De Bartolomeis)


Dal 26 dicembre 2014 al 5 aprile 2015 il Centro Arte Contemporanea ospita le sculture di

Livio Conta e Mariano Vasselai, due artisti trentini che hanno fatto del legno il loro

principale mezzo di comunicazione.

In occasione di questa mostra la sezione didattica organizza un laboratorio artistico con

l’obiettivo di avvicinare i bambini al linguaggio scultoreo e alle sue forme contemporanee.  

Durante l’intera attività didattica la manualità sarà al centro dell’attenzione e si scoprirà

come le mani sono artefici del fare. Un incontro con la materia ma anche la scoperta della

grande sensibilità di cui le mani sono dotate, le quali permettono di percepire le indicazioni

provenienti dall’interiorità e suggerirle alla materia.


DESCRIZIONE ATTIVITÀ DIDATTICA

L’attività didattica sarà divisa in due diversi momenti.

- Breve visita guidata alla mostra e incontro con lo scultore e direttore del Centro Arte

  Contemporanea Elio Vanzo, il quale realizzerà una piccola scultura.

I bambini avranno quindi la possibilità di osservare direttamente l’arte dell’intaglio e

conversare con l’artista.

- La seconda fase avviene nel laboratorio didattico.

Al bambino verrà data la possibilità di realizzare due sculture, ma utilizzando materiali

diversi.

A partire da una saponetta i bambini creeranno una scultura scoprendo l’arte dell’intaglio,  

del togliere (verrà utilizzata una strumentazione non pericolosa).

Mentre con la creta modelleranno una figura, scoprendo l’arte del porre.

Durante l’attività pratica si stimoleranno i bambini a delle riflessioni sui due diversi

linguaggi artistici.


OBIETTIVI DIDATTICI

-Introdurre l’arte come esperienza nel mondo del bambino.

- Potenziare la propria sensibilità manuale.

- Ascoltare le forze interiori, come le emozioni prodotte dal materiale utilizzato durante la fase creativa.

- Riflettere sulle forme create e su ciò che esse esprimono.

- Avvicinare all’arte del saper fare.

- Stimolare la creatività.

- Stimolare la capacità di osservazione.


INFORMAZIONI


DURATA

3 ore


QUANDO

L’attività “Usiamo le mani...per modellare e per intagliare” sarà attivo dal 7 gennaio al 2

aprile 2015, in concomitanza con l’apertura della mostra “Sentieri dello stile”.


MODALITÀ DI PRENOTAZIONE

Per prenotarsi chiamare il numero 349.8470.382, dal lunedì al venerdì.

Per informazioni è possibile scrivere anche all’indirizzo

 artecavalesedidattica@gmail.com.

Eventuali disdette devono essere effettuate 24 ore prima dell’attività didattica.


COSTO

3 euro a bambino




Si invitano gli insegnanti a una visita guidata alla mostra “Sentieri dello stile: Livio Conta/Mariano Vasselai” venerdì 11 gennaio 2015 alle ore 17.00, un’occasione per conoscersi, discutere e approfondire il contenuto della proposta didattica.



IL CENTRO ARTE CONTEMPORANEA ENTRA IN

CLASSE


Quest’anno il Centro Arte Contemporanea decide di uscire dagli spazi museali ed entrare direttamente nelle scuole, mettendo a disposizione le proprie competenze e le proprie figure professionali per contribuire ulteriormente alla formazione dei bambini.

 

LEZIONI PRATICHE DI STORIA DELL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA IN CLASSE

In occasione del percorso didattico “Come è fatta l’arte del ‘900” si presenta la possibilità di svolgere alcuni moduli direttamente a scuola con la presenza della responsabile didattica del Centro Arte Contemporanea Cavalese.

 Un’occasione per trasformare la propria classe in un vero atelier.

 Vedi la scheda “Come è fatta l’arte del ‘900” per conoscere nel dettaglio la proposta didattica.

 Per ulteriori informazioni e per la prenotazione scrivere all’indirizzo artecavalesedidattica@gmail.com

o telefonare al numero 349.847.0382


ALLA LEZIONE CI PENSA IL CENTRO ARTE CONTEMPORANEA

 Il Centro Arte Contemporanea mette a disposizione degli insegnanti del materiale didattico

Data:04-11-2014-->